Addio al Gigante Buono - Il professor Livio Sossi, anima superiore e rara, ci ha abbandonati
 
    Stai leggendo il giornale digitale di Istituto Comprensivo Fara Filiorum Petri su
    Clicca qui per leggere il giornale di un altro Istituto.

    Addio al Gigante Buono

    Il professor Livio Sossi, anima superiore e rara, ci ha abbandonati

     

    Persona eccezionale che ho avuto la fortuna di conoscere.

     

    Due incontri di 4 ore ciascuno che mi hanno illuminato la vita, personalmente e professionalmente.

     

    Voleva conoscere mio figlio, mi spiace non averlo portato, pensavo di portarlo alla fine del corso.

     

    Ma il corso è finito prima del tempo.

     

    Mi dispiace immensamente. Un grandissimo uomo bambino.

     

    Quando ci siamo salutati, venerdì scorso, gli ho detto che ci eravamo divertiti tantissimo. E lui felice e con gli occhi che gli ridevano come un bambino umile come era, non ha detto "grazie" ma ha detto " immagini come si divertiranno i bambini."

    Questa è la poesia che mi ha ispirato: è triste, perchè, paradossalmente, la sua morte improvvisa, ci ha lasciati inebetiti, stravolti. Ma lui era una persona allegra e gli renderemo omaggio sul suo terreno: la gioia di vivere.

    IL GIGANTE BUONO

    I capelli bianchi
    A coprire un viso adulto
    Voce cavernosa
    Ma protettiva
    Imponente
    Accogliente
    Gli occhi innocenti e felici di un bambino
    L'umiltà
    Che fa rima con genialità.
    Modestia
    In un capolavoro di persona.
    Uno sconosciuto
    Entrato per caso
    Nella mia scia.
    Un uomo eccezionale
    Un maestro
    Di vita
    E di professione
    Un involucro
    Traboccante
    Di sensibilità
    Di empatia
    Di amore per i bambini
    Innocenti e geniali
    Come solo i bambini sanno essere
    L'uomo maturo
    Col cuore e gli occhi da bambino.
    Un'anima eletta
    Che ci è entrato nel cuore.
    Sei ore intense
    Di risate
    Commozione
    Produzione.
    E il rammarico 
    E l'angoscia di una frase
    "È morto mentre veniva da noi".
    Perché la vita ti frusta a volte
    Spesso.
    Ma se esiste un lassù
    Lui ci starà guardando.
    Fiero
    Per essere stato
    Ancora
    Un maestro superbo e superiore.

    Di seguito, i titoli e gli articoli tratti da il Friuli.it e Il piccolo _Trieste

    Addio a Livio Sossi

    Letteratura per l'infanzia in lutto per l'improvvisa morte di Livio Sossi, nato a Trieste 67 anni fa. Dai primi Anni '70, subito dopo la laurea, Sossi si è dedicato alla letteratura per l'infanzia, illustrazioni ed editoria per i più piccoli. Professore di Storia e Letteratura per l’Infanzia all’Università di Udine e all’Università del Litorale di Capodistria (Slovenia), il saggista ha ricoperto molti altri incarichi.
    E' stato conduttore del programma radiofonico sulla letteratura per ragazzi Doroty & Alice in onda su radio Capodistria, ma anche direttore artistico del polo museale dello Spazio Brazzà a Moruzzo, consulente editoriale per diverse case editrici (Falzea, Edicolors, Arianna Secop, Albalibri, Euno, Campanotto, Lupo e altri), presidente e componente di giuria di noti premi di letteratura e illustrazione per l’infanzia, nonché consulente scientifico per l’ERT (Ente Regionale Teatrale per il Friuli Venezia Giulia). In vita ha ottenuto importanti riconoscimenti tra cui il Premio Fantasia d’Oro per la critica e la Medaglia d’Oro del Ministero della Cultura della Repubblica Slovacca per la sua opera di promozione della letteratura slovacca per l’infanzia in Italia con il 'Progetto Sole' nato nel 1997 a Trieste.

    Fonte: il FRIULI.it

    Addio Livio Sossi, sapeva vedere nei bambini i lettori di domani

    Se n’è andato ieri mattina nel sonno il triestino Livio Sossi, uno dei più autorevoli esperti di Letteratura per l’infanzia, nato il 18 ottobre del 1951. È scomparso quasi in punta di piedi, come una di quelle creature magiche che amava.

    Sossi sul fronte letterario dell’infanzia aveva molte competenze. Non solo per gli studi e la ricerca, anche perché prima della docenza universitaria aveva insegnato alle scuole elementari. I bambini li conosceva bene, bastava chiacchierare con lui per qualche minuto per capire la passione che lo alimentava. Sapeva perfettamente intuire ciò che i bambini gradivano quanto a scrittura e illustrazione, per cui ne forgiava dei perfetti lettori. «Bisogna pensare al bambino reale, non ideale», ripeteva spesso. E per “ideale” intendeva come il bimbo viene idealizzato dagli adulti e quindi pensato in maniera proiettiva ed errata. Un libro necessario – per chi volesse saperne di più sul genere, ma anche per l’istruzione di genitori sensibili a un figlio quale potenziale lettore – è indubbiamente il volume “Metafore d’infanzia”, uscito per Einaudi nel 1998.

    Fonte: Il Piccolo, Trieste

     

    di Caporedattore Istituto Comprensivo Fara Filiorum Petri


    Condividi questo articolo





    edit

    Scrivi su Scuolalocale clear remove

    Scrivi un articolo e invialo alla redazione di un Istituto
    account_circle
    email
    local_phone
    pin_drop
    Seleziona la redazione del tuo Istituto o quella alla quale vuoi inviare il tuo articolo

    edit
    mode_edit
    Foto attach_file
    Indietro
    thumb_up

    Il tuo articolo è stato inviato alla redazione da te indicata!

    Attendi una loro risposta, grazie!

    doneChiudi
    Racconta la tua esperienza Scuola-Lavoro!
    Inserisci i tuoi dati, seleziona il progetto di alternanza e racconta l'esperienza; la redazione di Scuolalocale del tuo Istituto riceverà queste informazioni e le pubblicherà su Scuolalocale.
    account_circle
    email
    local_phone
    pin_drop
    Seleziona la redazione del tuo Istituto o quella alla quale vuoi inviare il tuo articolo
    Seleziona il progetto che vuoi raccontare, non c'è? Chiedi subito al tuo tutor aziendale di inserirlo!
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    Foto attach_file
    Indietro
    thumb_up

    Il tuo articolo è stato inviato alla redazione da te indicata!

    Attendi una loro risposta, grazie!

    Invia la tua Idea clear remove

    Descrivi la tua idea e inviala a Scuolalocale.
    account_circle
    pin_drop
    Seleziona il tuo Istituto

    Seleziona l'ambito della tua idea

    mode_edit

    thumb_up

    La tua idea è stato inviata a Scuolalocale!

    Grazie!

    doneChiudi
    Chiudi
    Chiudi